Ho voglia di tornare (da te).

Ho voglia di tornare da te, anche se mi porto un grande dubbio dentro. La serata si fa buio presto a nord, ed è così silenziosa che fa paura. Il traffico ha fretta, le macchine hanno bisogno di tornare a casa e riposare prima della nuova settimana. E io voglio ripartire – ma non voglio ripartire.

Ho voglia di tornare da te – e non l’avrei mai detto. Non perché non pensavo avrei mai provato questo sentimento, ma perché non pensavo di poterlo provare ora e di poterlo provare anche solo per due giorni lontano da casa.

Ho voglia di tornare da te. E da quelle braccia. E quelle spalle. Che non hanno nulla di troppo particolare, se non essere tue. E fa ancora più strano, perché non molto fa non ne avevo assolutamente bisogno – e si andava avanti così.

Ho voglia di tornare da te. E vorrei dirtelo, ma preferisco rimanere nel dubbio e lo scrivo qui, che forse non leggerai. Ed è più comodo per me perché non so comportarmi e non so cosa fare del mio futuro. O del nostro futuro. Anche se è troppo presto per dire questa parola – ed è troppo tardi per fingere che non ci sia nulla.

Ho voglia di tornare da te. Perché ti voglio abbracciare e raccontare di questo weekend pazzo, ma ci sono troppi chilometri e troppe ore da aspettare.

Ho voglia di tornare da te. Si era capito?