Il ponte in ferro.

Alla fine ieri pomeriggio sono scappato in biblioteca per prendere qualche libro di storia locale.

La scena è stata abbastanza tragica: “Sì, mi sa dire dove sono i libri di storia locale?” e il simpatico bibliotecaio mi ha guardato un po’ tanto sorpreso. In pratica di quei libri, probabilmente, non ne hanno dato nemmeno uno in prestito.

Alla fine ho trovato un bellissimo testo con tanto di foto a colori sul paese, scritto per il centenario del ponte sul fiume. Che è avvenuto più di vent’anni fa, quindi immaginatevi che testo moderno. (Ne ho presi altri tre di testi. Uno è stato abbastanza inutile, visto che parlava per pagine e pagine del metodo di analisi delle situazioni etnografiche. Ho già dato così tanti esami su queste cose che direi anche basta).

C’erano tantissime informazioni. Purtroppo però chi l’ha scritto era un invasato – cioè – un ingegnere abbastanza fanatico di costruzioni sospese e insomma: ho imparato poco e nulla. Perché la storia del paese in un libro che parla di storia del paese è poco importante.

Moving on. La storia della disposizione della chiesa è stata la più affascinante. Pare che tutte le chiese del paese abbiano più di mille anni e che la principale fosse in comune col paese di fianco. Altre cose che ho imparato: fintantoché questo posto era provincia di Como doveva essere un massacro avere mezzo documento.  Anche perché: sono una quarantina di chilometri senza mezzi e in treno ci vuole dall’ora e mezza all’ora e quaranta.

Altra cosa imparata: quando hanno benedetto il ponte diluviava. E credo la scena migliore io abbai letto in tutto il libro è stata la costruzione della ferrovia. So che non sarà andata così, ma dalla descrizione si sono trovati uno da una parte e uno dall’altra del fiume. Si sono guardati a distanza e hanno detto “porca miseria, mi sa che ci vuole un ponte!” e hanno costruito in fretta e furia questo mostro di ferro che da centoventi e passa anni.

Ecco, mi piace immaginarli così. Il primo che mi dice che non è possibile lo trucido, giuro.

Leave a Reply